01/06/2021

PIMCO: Manifattura e materie prime rilanciano gli Emergenti

PIMCO: Manifattura e materie prime rilanciano gli Emergenti

 

A cura di Pramol Dhawan, Global Head of Emerging Markets di PIMCO

.

I dati demografici favorevoli e la distribuzione dei vaccini sembrano destinati a limitare il COVID-19 che sta devastando molti mercati emergenti, spianando la strada a una forte accelerazione della crescita economica nella seconda metà di quest'anno e a una diminuzione di questa tragedia umana di portata globale. I mercati emergenti hanno in media popolazioni più giovani e meno vulnerabili - solo il 7,4% è di età pari o superiore ai 65 anni, rispetto al 18,4% dei mercati sviluppati. In molti paesi, queste popolazioni più giovani sono già state infettate a tassi elevati, creando un'immunità naturale - stimata a più del 50% in molti paesi dell'America Latina - che sopperirà in qualche modo ai ritardi nella diffusione dei vaccini, abbassando il rischio di contagio per il segmento più vulnerabile della società.

Le attuali campagne di vaccinazione sembrano sulla buona strada per raggiungere il 60% di copertura della popolazione nel terzo trimestre in Europa centrale e in Cile, seguite da una serie molto più ampia di emergenti nel quarto trimestre (Cina, Brasile, Messico, Corea e Malesia). Ma anche dove le soglie del 60% potrebbero non essere raggiunte fino alla prima metà del 2022 in paesi come la Turchia, il Sudafrica, l'India e la regione andina dell'America Latina, le popolazioni giovani con tassi più alti di immunità naturale dovrebbero alleviare la necessità di lockdown persistenti o rigorosi. Combinando le stime dell'immunità naturale con le previsioni di vaccinazione, si suggerisce un tasso di immunità di almeno il 70% entro il quarto trimestre del 2021 per la grande maggioranza del nostro universo emergente investibile.

Mentre un'attesa ondata di riaperture travolge il mondo in via di sviluppo, un insieme di dinamiche esterne potrebbe alimentare la ripresa post-pandemia dell'asset class. Un ampio indice dei prezzi delle materie prime (Commodity Research Bureau) è tornato a livelli che non si vedevano dalla metà del 2015, dopo un rimbalzo annuale del 68% - un potenziale motore economico chiave per i molti mercati emergenti che dipendono dalle esportazioni di materie prime. Inoltre, i tassi d'interesse reali a breve termine degli Stati Uniti sono recentemente scesi ai minimi di 50 anni, una situazione che probabilmente sosterrà gli investimenti negli emergenti alimentando i flussi di capitale verso il mondo in via di sviluppo con gli investitori alla ricerca di rendimento.

Tuttavia, non tutte le economie emergenti si riprenderanno in maniera uniforme. Per ora, crediamo che il turismo sarà l'ultimo settore a normalizzarsi, rimanendo un freno alla crescita in un sottoinsieme non trascurabile di mercati emergenti - un freno che sembra ben prezzato in mercati come la Thailandia, la Turchia e la Repubblica Dominicana.

Ma anche qui, le differenze regionali saranno importanti. La Turchia, la Repubblica Dominicana e l'Europa centrale sono destinate a beneficiare della vicinanza alle economie sviluppate con alti tassi di vaccinazione, mentre il Sud-est asiatico sembra destinato a rimanere indietro, dato che i progressi della vaccinazione nelle due principali fonti di turismo regionale - Cina e Giappone - sono lenti.

Come sempre, ci sono rischi e incertezze nelle nostre previsioni, tuttavia crediamo che questi rischi non siano così gravi come i titoli dei giornali suggerirebbero e, in effetti, sono in qualche modo transitori.

La Cina sta ritirando gli stimoli. Attraverso una combinazione di rigidi lockdown e forti stimoli al credito, la Cina è stata la prima a normalizzare la crescita dopo l'iniziale scoppio del virus l'anno scorso.  Da allora, la Cina ha iniziato a ritirare gli stimoli, anche in un contesto di lenti progressi di vaccinazione in tutta l'Asia settentrionale, aumentando il rischio per la crescita economica se i casi di virus dovessero aumentare, in particolare alla luce della popolazione più anziana di questa regione. Tuttavia, in quel caso, crediamo che queste economie abbiano molto spazio fiscale per ammortizzare tali shock.

I disordini sociali potrebbero scatenarsi con il ritiro degli stimoli. Anche se i tassi più alti di immunità naturale in ampie fasce dell'America Latina e dell'Europa centrale compensano le campagne di vaccinazione più lente, le riaperture economiche complete saranno più lente e le tensioni fiscali maggiori che in altri mercati emergenti. Il ritiro degli stimoli politici sarà quasi certamente messo in discussione, soprattutto nei paesi che affrontano cicli elettorali (ad esempio, l'America Latina nel 2021-22), potenzialmente suscitando disordini sociali. Tuttavia, questo tipo di incertezza è tipicamente incorporata nei prezzi delle attività e raggiunge i picchi poco prima delle elezioni vere e proprie, offrendo opportunità potenzialmente interessanti quando i premi di rischio svaniscono dopo il voto.

L'impennata dell'inflazione nominale potrebbe costringere a un'ulteriore normalizzazione della politica monetaria. La confluenza di una domanda dei mercati sviluppati in rapida ripresa e di vincoli strutturali all'offerta di materie prime ha prodotto la più grande sorpresa (al di sopra delle aspettative) dell'inflazione headline nella maggior parte dei paesi emergenti dal 2008. La gravità dello shock è stata sufficiente a forzare una parziale normalizzazione della politica monetaria nei paesi più accomodanti, come il Brasile. Tuttavia, la debolezza della domanda interna, l'ampio output gap negativo e l'apprezzamento dei tassi di cambio danno forti ragioni per credere che il picco dell'inflazione sarà transitorio. Per essere sicuri, crediamo che i mercati locali abbiano sopravvalutato i rialzi dei tassi - come è loro tendenza.

Un forte ciclo manifatturiero e i prezzi decennali delle materie prime sono i driver dominanti di quella che ci aspettiamo sia una forte ripresa della crescita emergente per il resto del 2021. L'accelerazione della crescita dovrebbe spingere la domanda di valute locali, seguita dal credito sovrano. I tassi locali emergenti (le obbligazioni denominate in valuta locale) affrontano un percorso più difficile; gli investitori richiedono premi di tasso reali più elevati per compensare i livelli di debito più elevati e i deficit primari che continuano a essere significativi. Ciononostante, questa fase di recupero dovrebbe essere ancora favorevole alla raccolta di un carry elevato nei mercati con curve ripide quando l'inflazione raggiunge i picchi e le pressioni sul deficit fiscale si allentano durante quella che vediamo come una prossima ripresa ciclica.

Contenuti correlati

Attenzione!

Alcuni dei contenuti di questa parte di sito, prodotti da società differenti da CFS Rating, possono essere dedicati ad investitori professionali, sono diffusi solo a titolo informativo e non possono essere considerati in nessun caso sollecitazione all’investimento.
Continuando la navigazione dichiari di aver letto, compreso e accettato termini e condizioni del sito.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.