25/10/2019

GAM: DECENNALI USA AL BIVIO

GAM: DECENNALI USA AL BIVIO

Dopo aver toccato un minimo attorno al livello di 1,5%, il tasso decennale del Treasury USA ha ripreso quota. La congiuntura rimane debole, per la continuazione del trend al rialzo sono necessari dati più solidi o politiche credibili.

 

Commento a cura di Antonio Anniballe, gestore del team Multi Asset Italia di GAM (Italia) SGR

A inizio novembre 2018 il decennale statunitense ha raggiunto un massimo di periodo del 3,23%. Dieci mesi e svariati accadimenti più tardi, fra cui le interminabili negoziazioni fra USA e Cina e le prime palpabili conseguenze sull’economia globale, il Treasury ha toccato a inizio settembre un livello inferiore all’1,5%. Nelle ultime settimane abbiamo assistito al ritorno verso quota 1,8% e ci si chiede se questo costituisca un buon punto d’ingresso o se invece il movimento sia appena all’inizio.

Per iniziare ad inquadrare il problema, il primo passo è capire perché si sia ridotto così tanto il rendimento decennale: la scomposizione del tasso fra componente reale (ricavabile dal decennale indicizzato all’inflazione) e quella di inflazione attesa fornisce una prima risposta. Il tasso reale si è letteralmente azzerato, mentre la parte di crescita dei prezzi ha registrato un movimento contenuto. Ciò non stupisce: le rilevazioni dell’ultimo anno negli USA mostrano un’inflazione rimasta attorno al 2%, sostenuta da salari e consumi nonostante il rallentamento economico osservato; al contrario dati economici progressivamente peggiori hanno minato la fiducia sulla tenuta del ciclo e iniziato ad adombrare ipotesi di recessione.

I tassi reali a zero sono insomma un altro messaggio inviato dai mercati obbligazionari, oltre all’inversione della curva di cui si è ampiamente discusso.

Negli ultimi giorni abbiamo invece assistito, come detto, ad un ritorno del Treasury all’1,8% e ad un leggero irripidimento della curva. Utilizzando la stessa linea di ragionamento, il mercato sta rivedendo leggermente al ribasso le probabilità di recessione. La spiegazione, in assenza di dati realmente convincenti, è nella combinazione fra un miglioramento, pur non decisivo, sul fronte geopolitico (Brexit, dazi), prime trimestrali che sembrano smentire un arretramento degli utili, e un semplice rientro dagli eccessi di un movimento tecnico prolungato. Questo dice anche che difficilmente il rialzo del tasso decennale potrà proseguire senza il sostegno del contesto macroeconomico: sarebbe importante a questo proposito avere conferme sulla stabilizzazione degli indici ISM e PMI. Inoltre a fine mese saranno pubblicati i dati di fiducia del consumatore e quelli relativi alle nuove assunzioni (ADP). Occupazione e consumi sono percepiti come elementi di forza dell’attuale congiuntura. Un eventuale deterioramento potrebbe rinfocolare i timori e invertire nuovamente la direzione del tasso.

Attenzione!

Alcuni dei contenuti di questa parte di sito, prodotti da società differenti da CFS Rating, possono essere dedicati ad investitori professionali, sono diffusi solo a titolo informativo e non possono essere considerati in nessun caso sollecitazione all’investimento.
Continuando la navigazione dichiari di aver letto, compreso e accettato termini e condizioni del sito.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.