28/07/2020

COMGEST: LA CINA COME TREND SECOLARE DI LUNGO TERMINE

Jasmine Kang, gestore del fondo Comgest Growth China

 

COMGEST: LA CINA COME TREND SECOLARE DI LUNGO TERMINE

 

La Cina sta riaprendo il Paese con molta attenzione da marzo, continuando a monitorare l'eventuale ricomparsa di nuovi casi. Le rigide regole di distanziamento sociale e il tracciamento dei dati sui trasporti si sono rivelati efficaci nel mantenere stabili socialità ed economia. Sembra che la Cina stia riavviando con successo la sua economia, sostenuta dal graduale miglioramento dei dati macro nel secondo trimestre. La capacità produttiva interna è tornata in gran parte alla normalità nel mese di aprile. La domanda dei consumatori ha seguito, anche se il tasso di ripresa varia a seconda dei settori. Il governo cinese ha attuato pacchetti di stimolo e di agevolazioni finanziarie per aiutare le aziende, soprattutto le piccole e medie imprese, a superare questo momento difficile. Se da un lato c'è il rischio di sovrastimolare l'economia e di aumentare la leva finanziaria, dall'altro il governo ha anche rimosso qualsiasi obiettivo di PIL per quest'anno, che consideriamo una decisione politica appropriata.

 

D'altro lato, le relazioni USA-Cina sono ulteriormente peggiorate, con gli ADR cinesi quotati negli USA attualmente sotto i riflettori. L'amministrazione Trump ha minacciato di rimuovere gli ADR cinesi a causa della loro incapacità di soddisfare i requisiti di supervisione contabile stabiliti dalla Securities and Exchange Commission - il governo cinese continua a vietare l'invio agli Stati Uniti dei documenti contabili locali per revisione. Le società interessate hanno tre anni di tempo per conformarsi, ma il rispetto dei requisiti statunitensi è fuori dal loro controllo. Si tratta di una questione storica che è riemersa con l'intensificarsi della guerra commerciale. L'ultimo disegno di legge ha accelerato il processo di "ritorno a casa" degli ADR cinesi, tra cui NetEase e JD.com, che hanno appena completato la loro quotazione secondaria a Hong Kong questo mese, con un numero crescente di aziende disposte a prendere in considerazione l'opzione, soprattutto dopo una serie di precedenti di successo tra cui il debutto di Alibaba lo scorso autunno.

 

Shandong Weigao, il più grande fornitore di materiali di consumo monouso per uso medico, ha registrato ottimi risultati nel 2019, con il fatturato in crescita del 18% e l'utile netto del 25%. Mentre la prima metà del 2020 potrebbe essere lenta a causa dei ritardi negli interventi ospedalieri (nel contesto del Covid-19), le prospettive a lungo termine rimangono intatte. Anche la potenziale quotazione della controllata ortopedica sul mercato onshore è stata presa positivamente.

 

In ambito gaming, NetEase e Tencent hanno continuato a registrare risultati solidi. Mentre la crescita nel primo trimestre è stata certamente aiutata dalla situazione di lockdown, la crescita complessiva del mercato sarà un vento a favore nel medio-lungo termine. Entrambe le società hanno una forte quota di mercato in Cina, ma stanno anche guardando sempre più alle opportunità oltreoceano, il che potrebbe aggiungere una nuova sostanziale crescita. Inoltre, NetEase ha completato con successo la sua quotazione secondaria a Hong Kong.

 

Man Wah, il più grande produttore di divani del mondo, ha registrato risultati che hanno superato le aspettative nonostante la crisi pandemica. Il suo business di mobili a marchio cinese è cresciuto del 18% nella prima parte del 2020, con un calo a una sola cifra nel primo trimestre del 2020 e una ripresa della crescita in aprile e maggio di oltre il 20%. L'attività di esportazione degli Stati Uniti continua a migliorare con il trasferimento della produzione nel nuovo stabilimento in Vietnam.

 

Samsonite ha indubbiamente sofferto per lo stop che ha interessato i viaggi internazionali. I risultati del primo trimestre sono stati deboli, ma soprattutto il mercato era preoccupato per i potenziali rischi di liquidità della società. Riteniamo che Samsonite dovrebbe uscire da questa crisi più forte, dato che alcuni dei suoi concorrenti stanno già presentando istanza di fallimento.

 

Le società assicurative (Ping An, AIA e China Life) hanno registrato risultati inferiori alle aspettative. Mentre le operazioni sono ancora in linea con le previsioni delineate durante il Covid-19, i movimenti dei tassi di interesse hanno generato una certa volatilità del prezzo delle azioni che riteniamo sia di breve termine. Inoltre, AIA ha sofferto a causa del divieto di viaggio tra Hong Kong e la Cina continentale, subendo impatti nel business di Hong Kong legato al traffico turistico cinese.

 

La Cina continua ad essere il primo Paese che sembra destinato a tornare alla normalità. Il recente piccolo focolaio a Pechino è stato gestito rapidamente. Tuttavia, è probabile che i severi controlli alle frontiere rimangano in vigore per un certo periodo di tempo, con un impatto sui viaggi internazionali. Il settore dei servizi in senso lato dovrebbe riprendersi lentamente, poiché i consumatori hanno comprensibilmente paura di avere interazioni

 

frequenti e ravvicinate. La diffusione della pandemia nei mercati sviluppati e il modo in cui la domanda al consumo locale si riprenderà peseranno inevitabilmente sulle esportazioni cinesi.

 

In un’ottica di lungo termine molti di questi impatti non perdureranno. Crediamo che il governo cinese avrà a disposizione risorse politiche sufficienti per sostenere e stabilizzare l'economia durante questo periodo difficile. Nel più lungo termine, la Cina rimane attraente con la sua storia di crescita dei consumi interni, della domanda di servizi e di dedizione e capacità di innovazione.

 

Tuttavia, la consolazione è che il Covid-19 ha contribuito ad accelerare alcune delle trasformazioni digitali e dei cambiamenti sul comportamento digitale dei consumatori. Molte di queste tendenze, come lo shopping online, l'adozione del cloud da parte delle imprese e del settore pubblico e l'educazione online rimarranno probabilmente al di là della pandemia e beneficeranno di adozioni più rapide.

 

Attenzione!

Alcuni dei contenuti di questa parte di sito, prodotti da società differenti da CFS Rating, possono essere dedicati ad investitori professionali, sono diffusi solo a titolo informativo e non possono essere considerati in nessun caso sollecitazione all’investimento.
Continuando la navigazione dichiari di aver letto, compreso e accettato termini e condizioni del sito.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.