25/02/2021

Wall Street si riavvicina ai massimi

Il segnale positivo dato da Wall Street martedì con un ampio recupero dai minimi è stato confermato ieri con un'estensione del rialzo che a portato l'indice SP500 a 3925 punti con un rally dell'1,14%.
Più ampio il movimento del DowJones grazie al +8,12% della Boeing, mentre il Nasdaq rimane un po' indietro a causa delle prese di beneficio sui titoli tecnologici: ieri la Apple ha perso lo 0,4% e Amazon l'1,09%, mentre Microsoft ha guadagnato lo 0,55%.
In rialzo dell 6,81% la Tesla e positivo il settore del trasporto aereo con la UAl che sale dell'8,6%.
Prosegue poi il rally del petrolio WTI che poggi apre a 63,6 dollari al barile: la Exxon Mobil sale dello 0,5% a 56,74 dollari e Occidental Petroleum dell'8%.
Positivo anche il settore bancario, con JPMorgan che chiude su un nuovo massimo storico a 153,26 dollari.
In ampio rialzo anche i mercati asiatici con Seul in primo piano a +3,5%, mentre Yokyo ha guadagnato l'1,67%, Shanghai lo 0,59% e Hong Kong l'1,17%.
Ieri Powell ha confermato che la banca centrale americana manterrà i tassi a zero ancora a lungo in quanto l'occupazione è ancora lontana dai livelli del febbraio scorso e ha ridimensionato i titmori di una ripresa dell'inflazione, ma il mercato obbligazionario continua a scendere e il rendimento del decennale sale oggi a 1,42%. Nonostante questo il dollaro prede terrenno permetendo alleuro disalire sopra quota 1,2200 questa mattina.
Per la giornata odierna l'attenzione è puntata sui dati macro americani del pomeriggio, con le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione, gli ordiini di beni di consumo durevoli di gennaio e la seconda reviisione dedlla stima della cresciita del PIL del quarto trimestre del 2020.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.