24/02/2021

Wall Street recupera in chiusura, in ribasso i mercati asiatici

Wall Street ha chiuso ieri in leggero rialzo dopo aver trascorso la giornata in territorio ampiamente negativo, con l'SP500 che ha recuperato il 2% dai minimi toccati in apertura (grafico a destra). Anche ieri il tema priicipale è stata la rotazione dai titoli tecnolgic a quelli Value e il Nasdaq ha perso mezzo punto percentuale nonostante il +2,12% di Facebook e il +0,2% di Google. La Apple ha perso lo 0,11%, Microsoft lo 0,53% e Tesla il 2,19%, mentre Amazon ha guadagnato lo 0,43%.
Il mercato da dato ieri un notevole segnale di forza e vedremo se il riqalzo proseguirà ora verso i massimi di febbraio.
Negativi invece i mercatii asiatici, con Tokyo che perde l'1,6% e Seul il 2,45%, Shanghai perde il 2% e Hong Kong il 3%.  I futures sugli indici americani perdono o 0,1%.
La deposizione di Powell della Federal Reserve al Senato ieri non ha portato alcuna novità dato che Powell a confermato che la banca centrale manterrà ancora a lungo i tassi a zero e continuerà a comprare 80 miliardi di titoli al mese. Powell ha poi ridimensionato i rischi di un aumento dell'inflazione.
Il mercato obbligazionario ha guadagnato leggermente terreno con il rendimento del decennale a 1,35% e il dollaro ha perso terreno permettendo all'euro di risalire a 1,2170.
Poco mosso il petrolio WTI a 61,50 dollari al barile dopo aver toccato ieri un massimo a 63 dollari. Oggi è atteso il dato dell'EIA delle scorte americane della scorsa settimana mentre ieri sera è uscito quello dell'API che ha mostrato un aumento delle scorte di greggio a causa della chiusura delle raffinerie in Texas.
Dal fronte macro si segnala il dato appena uscito del PIL tedesco del quarto trimestre, migliore del previsto a +0,3% sul trimestre precedente e -3,7% sullo stessoo epriodo del 2019. Per l'intero anno la diminuzione del PIL è stata del 2,7%.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.