09/09/2020

Prosegue la correzione dei titoli tecnologici USA

E’ proseguita anche ieri la correzione dei titoli tecnologici americani con perdite superiori al 4% per il Nasdaq e del 2,78% per l’indice SP500 che ha chiuso a 3331,84 punti (grafico a destra).

Dopo in notevole rialzo di agosto che aveva portato le valutazioni a livelli molto elevati una fase di prese di beneficio appare naturale anche in assenza di notizie particolari, anche se gli analisti citano i timori che Trump imponga sanzioni su altre società tecnologiche cinesi e la chiusura delle notevoli posizioni rialziste da parte di Softbank, oppure la notizia che AstraZeneca ha fermato i test di un vaccino per il coronavirus.

Apple perde il 6,73% a 112,82 e Amazon il 4,39% a 3149 dollari, Facebook perde il 4% e il 3,64 a 1523.  Microsoft scende del 5,4%  a 202 e Tesla perde il 21% a 330,2 dollari: evidentemente non è piaciuto agli investitori l’aumento di capitale appena prima uscisse la notizia che il titolo non sarà incluso nell’indice SP500.

Crolla poi il settore energetico con perdite del 10% delle independents come Occidental e il -23% di Exxon Mobil dopo che il petrolio WTI è sceso a 36,4 dollari al barile dai 43 della scorsa settimana sui timori di una domanda cedente.

In ribasso i mercati asiatici con perdite intorno al punto percentuale per Tokyo e dell’1,6% per Shanghai.  Hong Kong perde l’1,3% e Seul qualcosa di meno.  In mattinata è uscito il dato sull’inflazione cinese di agosto a 2,4% in discesa dal 2,7% del mese precedente.

Si rafforza il dollaro con l’euro a 1,1765 in attesa della riunione della BCE di domani: gli analisti temono che venga menzionato il rafforzamento del cambio come fattore negativo da contrastare, anche se la cosa ci sembra improbabile visto il livello ancora accettabile.  Ieri è stata annunciata l’ultima revisione del PIL dell’area euro del secondo trimestre a -14,7% sullo stesso periodo del 2019.

Sale  il mercato dei Treasurys con il rendimento del decennale a 0,66%.

Per oggi non sono attesi dati macro significativi.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.