23/11/2021

Prese di beneficio sui mercati azionari

Dopo l'apertura positiva di settimana ieri i mercati azionari sono girati al ribasso dopo che l'indice SP500 aveva fatto segnare un nuovo massimo a 4743 punti con un rialzo vicino al punto percentuale (grafico a destra) sulla notizia della conferma di Powell al vertice della Federal Reserve, ma il mercato è stato oggetto di massicce prese di beneficio nel pomeriggio andando a chiudere a -0,32% e con perdite superiori al punto percentuale per il Nasdaq. I futures sugli indici segnalano un'apertura in ribasso di un altro 0,4%.
Ieri sono stati infatti i principali titoli tecnologico a frenare il mercato, con NVIDIA il peggiore a -3,12% seguiito da Amazon a -2,83% e Google a -1,76%. Facebook perde l'1,24% e Microsoft lo 0,96%.
Rimbalza ampiamente il settore bancario e Wells Fargo sale del 3,11% e JPMorgan del 2,13% ed è positivo anche il settore energetico con Chevron a +1,79% e Exxon Mobil a +1,38% nonostante il petrolio WTI sia tornato sotto ai 76 dollari al barile indebolito dai segnali di ripresa dei contagi in Europa.
Il rendimento del Treasury decennale apre questa mattina a 1,92% in rialzo dall'1,55% del giorno prima.
I mercati azionari asiatici hanno chiuso negativamente con Tokyo l'unica eccezione a .0,09% mentre Hong Kong perde l'1,19% a Seul lo 0,53%. L'indice Stoxx50 europeo apre a -1,4%.
Sul mercato dei cambi l'Euro rimane debole a 1,1260, ma il dollaro è forte anche contro lo yen a 114,20.
Per oggi l'attenzione rimane puntata sui risultati dei survey della Markit sulla congiuntura in Europa e negli Stati Uniti: l'indice composto per la Germania è già uscito a 52,80 (migliore del previsto) e alle 10:00 viene annunciato quello per l'intera area Euro. Nel pomeriggio avremo quello per gli Stati Uniti di novembre.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.