18/11/2020

Mercati azionari più cauti a metà settimana

Ieri Wall Street ha perso mezzo punto percentuale a 3609 punti (grafico a destra) a causa di qualche presa di beneficio sui tecnologici: la Apple perde lo 0,79% e Microsoft l’1,29% a 214,46 dollari, mentre Amazon  ha guadagnato lo 9,15%.  In rialzo dell’8,21 la Tesla, mentre JPMorgan ha perso un punto percentuale a 116,11.

I mercati asiatici hanno invece chiuso positivamente, con l’eccezione di Tokyo che perde l’1,1%.  Shanghai sale dello 0,22%, Hong Kong di mezzo punto e Seul dello 0,26%.  In leggero ribasso invece l’apertura dei mercati europei, mentre i futures americani perdono lo 0,1%.

La situazione sanitaria non sembra migliorare, ma i mercati guardano già all’arrivo dei vaccini antivirus all’inizio del prossimo anno.

Sale il mercato dei Treasurys con il TBond a 173,2 e il rendimento del decennale a 0,84%, mentre il petrolio è sui massimi delle ultime settimane a 41,5 dollari al barile.

Nonostante la situazione sanitaria in peggioramento in Europa l’euro apre questa mattina il rialzo contro il dollaro in prossimità di quota 1,190.

La giornata odierna è povera di dati macro significativi: è appena uscita l’inflazione inglese di ottobre e in mattinata avremo quella dell’area euro, ma si tratta della revisione della stima flash di fine ottobre.

Nel pomeriggio avremo poi il dato settimanale delle scorte petrolifere americane.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.