12/10/2020

I mercati azionari asiatici toccano un nuovo massimo dell'anno

Anche  venerdì Wall Street ha chiuso positivamente, con l’indice SP500 sui massimi della settimana a 3477,13 a + 0,88% (grafico a destra), grazie alla notizia che la Casa Bianca ha proposto un pacchetto di stimoli fiscali per 1,8 trilioni di dollari: il Segretario del Tesoro Mnuchin incontrerà Nancy Pelosi venerdì prossimo per discutere la proposta.

Più ampi i guadagni del Nasdaq grazie al +3% di Amazon a 3286,65 dollari e al +2,48% di Microsoft.  Apple sale dell’1,74% a 116,97, mentre Google dell’1,82% a 1510,45 dollari.  In leggero rialzo anche Facebook a 264,45 dollari.  Ebay sale del 6,47% mentre perde il settore petrolifero con la Exxon Mobil in ribasso dell’1,47%  seguendo la correzione del petrolio WTI di mezzo dollaro a 40,50 dopo la conclusione dello sciopero del lavoratori norvegesi del settore.  Scende di mezzo punto JPMorgan a 101,2 dollari.

Poco mosso il mercato obbligazionario americano con il TBond fermo a 174 e il rendimento del decennale a 0,78%, mentre prosegue la flessione del dollaro, con l’euro sopra quota 1,1800 confermando la correlazione con i mercati azionari e nonostante le notizie negative dal fronte sanitario, con i casi di coronavirus in aumento in Europa e un maggiore rischio di nuove limitazioni al movimento delle persone e all’attività economica.

La serttimana sdi apre molto positivamente per i mercati asiatici con solo Tokyo in ribasso dello 0,3%, mentre l'indice MSCI che esclude il Giappone sale di oltre un punto percetuale grazie al +2,6% di Shanghai e al +2,2% di Hong Kong: gli investitori scommettono sulla ripresa dell'economia cinese e ieri la banca centrale ha dovuto azzerare i margini sulle posizioni a termine sullo yuan cercando di frenare l'apprezzamento della valuta, che sale del 7% da maggio a 6,72 contro il dollaro questa mattina.  Era uno strumento per limitare il deprezzamento dello yuan, e ora la banca centrale di trova a dover afftrontare il problema opposto: le aspettative di una vittoria elettoorale di Joe Biden e le prespottive di maggiore crescita della Cina spingono gli investitori a puntare sulle attività in yuan, obbligazioni incluse.

Positiva anche l'apertura delle Borse europee, con rialzi intorno allo 0,2%.

Per la giornata odierna non asono attesi dati macro significativi.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.