22/07/2020

Entra nel vivo la stagione delle trimestrali

Wall Street ha chiuso ieri contrastata, con qualche presa di beneficio sui tecnologici che ha indebolito il Nasdaq mentre l’SP500 ha guadagnato lo 0,17% a 3257 punti (grafico a destra).  Il Dow Jones sale dello 0,6% grazie al +2,34% della Coca Cola, la cui trimestrale è stata ben accolta dagli analisti.  Migliore della attese anche la trimestrale di IBM grazie all’aumento del fatturato del business del cloud, ma il titolo perde marginalmente in chiusura.

Dopo il rally di lunedì Amazon perde l’1,83% a 3138 dollari e Tesla il 4,5% a 1568 dollari, mentre Apple e Microsoft chiudono a -1,35% .

In rialzo il settore energia con Occidental Petroleum che sale del 10% ed Exxon del 5% grazie al petrolio WTI sopra ai 42 dollari al  barile.

Le speranza in un vaccino contro il coronavirus e l’approvazione del pacchetto di finanziamenti da parte dell’Unione Europea contribuiscono a mantenere positivo il tono dei mercati azionari e la giornata di ieri è stata particolarmente positiva per il settore bancario europeo nonostante le prese di beneficio in chiusura di giornata.

I mercati asiatici chiudono invece in ribasso con Sidney che perde ‘1,3% e Tokyo lo 0,6% come Hong Kong, mentre Shanghai sale dello 0,3%.

Ancora poco mosso il mercato dei Treasurys con il rendimento del decennale a 0,60%, mentre il dollaro perde vistosamente contro l’euro che sale sopra quota 1,1500 e contro le commodity currencies.

La giornata odierna è povera di dati macro significativi: nel pomeriggio avremo le vendite di case USA di giugno e le scorte petrolifere dell’EIA.  Dopo la chiusura saranno rilasciate le trimestrali di Tesla e Microsoft.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.