29/07/2020

Chiusura debole di Wall Street

Wall Street ha perso un punto percentuale nell'ultima ora di contrattazioni e l'indice SP500 ha chiuso in ribasso dello 0,65% a 3218 punti (grafico orario a destra) mentre il Nasdaq ha perso l'1,27%: sono prevalse anche ieri le prese di beneficio sui titoli tecnologici, con Amazon in ribasso dell'1,8% aa 3000 dollari e Apple dell'1,64% a 373 dollari. Microsoft cede lo 0,9% a 202 dollari e Gloogle l'1,69% a 1503,65.

Gli analisti spiegano la flessione di ieri con il dato peggiore delle attese della fiducia dei consumatori americani di luglio calcolato dal Conference Board e dalle trimestrali peggiori del previsto di McDonalds e 3M.

E' poi improbabile che i Repubblicani riescano a far approvare dal Congresso un nuovo pacchetto di stimoli fiscali entro venerdì, quando scade quello dei 600 dollari di contributi settimanali.

I mercati asiatici hanno chiuso contrastati, con Tokyo che ha perso l'1,15% e Shanghail in rialzo di quasi il 2%.  Hong Kong guadana lo 0,3% come Seul.

I mercati europei sono attesi in ribasso dopo le trimestrali dl settore bancario come Deutsche Band e Barclays.  Particolarmente negativa quella di Santander.

Sale il mercato dei Treasurys con il rendimento del decennale a 0,58% mentre il petrolio WTI è stabile a 41,2 dollari al barile.

Dal fronte macro oggi si attendono i dati delle vendite di case negli USA  e la bilancia commerciale di giugno.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.