21/05/2020

Attenzione puntata sulle richieste di sussidi USA

Wall Street ieri ha recupero le perdite del giorno prima chiudendo su un nuovo massimo del mese a 2971,61 per l’indice SP500 (grafico a destra) con i tecnologici in forte rialzo: Facebook ha guadagnato il 6% a 229,97 dollari tornando sui massimi di inizio anno, mentre Apple e Amazon sono salite del 2%.  Amazon ha chiuso  su un nuovo massimo storico.  Microosft chiude a 185,66 dollari in rialzo dell1,39% e Google del 2,5%.  In rialzo anche Twitter dell’8%.

Prosegue quindi il recupero del mercato azionario americano in assenza di notizie positive mentre i toni nuovamente minacciosi si Trump mei confronti della Cina non sembrano preoccupare gli investitori. I mercati asiatici non hanno però tratto vantaggio dal rialzo di Wall Street e hanno chiuso con perdite intorno al mezzo punto percentuale, con l’eccezione di Seul che guadagna lo 0,44%. I futures sugli indici americani perdono però lo 0,8% circa.

In rialzo il mercato dei Treasurys dopo la prima emissione di ieri di titoli a 20 anni: il rendimento del decennale scende a 0,67%.  Il dollaro recupera leggermente dopo le  perdite di erii e l’euro tratta a 1,0970 dal massimo di ieri sopra quota 1,100.

Prosegue poi il rialzo del petrolio WTI a 34 dollari al barile dopo che ieri l’EIA ha annunciato una flessione delle scorte americane nella scorsa settimana.

Per la giornata odierna l’attenzione è puntata sui risultati dei survey della Markit per la congiuntura nei vari paesi per il mese di maggio e gli analisti si attendono un recupero dai livelli molto bassi di aprile.  Alle 14:30 avremo poi il dato americano dei nuovi sussidi di disoccupazione ed è atteso ancora un aumento sopra i 2 milioni di unità.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.