22/06/2020

Apertura di settimana negativa per i mercati azionari

I mercati azionari aprono la settimana in ribasso con perdite superiori al punto percentuale per il mercati europei nonostante la tenuta dei mercati asiatici e il +0,4% dei futures americani.

Tokyo ha perso lo 0,18%, Shanghai è invariata e mentre Hong Kong e Seul hanno perso lo 0,68%.

I timori di un nuovo aumento dei contagi da coronavirus in America e ora anche in Germania vengono citati come causa della maggiore avversione al rischio con cui si apre la settimana.

Wall Street Ha perso mezzo punto percentuale venerdì a 3098 punti (grafico a destra), ma il Nadaq ha chiuso invariato grazie alla tenuta dei  titoli tecnologici: Apple Microsoft perdono lo 0,6%, ma Amazon sale dello 0,79% a 2675 dollari e Facebook delll’1,21% a 238,79 dollari. Poco mossa la Tesla  a quota 1000 mentre la Boeing perde il 2,74% indebolendo il Dow Jones che chiude a -0,8%.

Il mercato dei Treasurys  non mostra un trend preciso e il rendimento del decennale apre questa mattina invariato allo 0,7%, mentre il dollaro è leggermente più debole rispetto alle chiusure di venerdì, con l’euro a 1,1190 e lo yen a 106,95.  Poco mosso anche il petrolio WTI a 39,80 dollari al barile.

La giornata odierna è povera di dati macro di primaria importanza e alle 14:30 avremo l’indice della Fed di  Chicago sulla congiuntura di giugno, seguito alle 16:00 dalle vendite di case negli Stati Uniti per il mese di maggio.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.