10/04/2019

Goldman Sach Energy Outlook

Il prezzo del Brent ha raggiunto quota 70 dollari al barile con un rally basato sui fondamentali e in particolare su un deficit dell’offerta superiore alle previsioni.  La situazione non dovrebbe mutare nel secondo trimestre a causa dei tagli alla produzione dell’OPEC e alla ripresa della congiuntura, oltre che all’effetto delle sanzioni americane e all’aumento modesto della produzione USA.

A causa della riduzione delle scorte è probabile che i prezzi a termine ripropongano una backwardation, mentre il prezzo spot dovrebbe salire a 72,5 nel corso del trimestre, per poi scendere dopo l’estate a causa dell’aumento della produzione OPEC e degli Stati Uniti.  La previsione per il 2020 è invariata a 60 dollari al barile per il Brent.

Allegati

Attenzione!

Alcuni dei contenuti di questa parte di sito, prodotti da società differenti da CFS Rating, possono essere dedicati ad investitori professionali, sono diffusi solo a titolo informativo e non possono essere considerati in nessun caso sollecitazione all’investimento.
Continuando la navigazione dichiari di aver letto, compreso e accettato termini e condizioni del sito.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.