10/09/2019

Mercati azionari indeboliti dalla discesa del PPI cinese

Wall Street ha chiuso ieri invariata nonostante il recupero dell’1,33% della Apple, che ha chiuso a 216,11 dollari, e del +0,72 della Amazon a 1846,37 dollari.  Perde invece un punto percentuale Microsoft mentre il titolo più scambiato è stata la AT&T che guadagna il 2,84% sulla notizia dell’aumento della partecipazione di un fondo di private equity. L’indice SP500 perde lo 0,01% a 2978,43%  (grafico a destra).

In assenza di dati dal fronte macro i mercati azionari sono dibattuti tra gli stimoli positivi della ripresa dei negoziati commerciali e del sostegno della BCE e della Federal Reserve da un lato, e le prese di beneficio in prossimità dei massimi dell’anno dall’altro lato.  Per proseguire il rialzo bisognerà attendere l’assorbimento di queste prese di beneficio, ma in assenza di notizie che mutino questo scenario è poco probabile che i mercati scendano prima della riunione di giovedì della BCE, che dovrebbe annunciare nuovi stimoli monetari.

I mercati asiatici hanno chiuso in rialzo con l’eccezione di quelli cinesi, invariati: Tokyo guadagna lo 0,35% (grafico in basso) e Seul lo 0,62%.

Negativa invece l’apertura dei mercati europei, con perdite intorno allo 0,3% e anche i futures sugli indici americani segnalano un’apertura a -0,2%.  La maggiore cautela dei mercati di questa mattina è spiegata da un dato cinese più debole del previsto: i prezzi alla produzione sono scesi dello 0,8% in agosto, mentre quelli al consumo sono rimasti invariati a +2,8%.

In rialzo i rendimenti obbligazionari con quello del Treasury decennale a 1,62% mentre risale ancora quello del Bund decennale a -0,58%: gli investitori temono che cambi rotta la politica fiscale tedesca dopo vari accenni alla possibilità venga approvato un piano di spesa pubblica oltre il limite del pareggio di bilancio in considerazione dell’indebolimento della congiuntura.

Stabile il dollaro a 107,40 yen e 1,1040 contro l’euro, mentre il petrolio corregge leggermente dai massimi di ieri e tratta a 57,90 dollari.

 

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.