09/09/2019

Prosegue il rialzo dei mercati azionari

Continua la fase rialzista dei mercati azionari a seguito della notizia della ripresa dei negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina: venerdì l’indice SP500 ha chiuso a 2978,71 punti con un guadagno dello 0,09% (grafico a destra) e i futures indicano un’apertura a +0,23%.

Venerdì il mercato americano è stato frenato dalle prese di beneficio sui principali tecnologici, con Microsoft che ha perso lo 0,68% a 139,10 dollari e Amazon lo 0,39% a 1833,51.  Invariata Apple a 213,26 dollari.

Positivi anche i mercati asiatici, con Tokyo e Seul che salgono di mezzo punto percentuale e Shanghai dello 0,8%.  Invariata Hong Kong.

I dati americani della disoccupazione di agosto non hanno portato grandi sorprese, con un numero di nuovi occupati un po’ inferiore alle attese, ma una crescita dei salari in miglioramento.  In serata è poi arrivato il nuovo sostegno del Presidente della Federal Reserve Powell che ha dichiarato che la banca centrale americana farà tutto il necessario per sostenere l’economia.

Il dollaro ha perso leggermente terreno tornando sotto quota 107 contro lo yen, mentre l’euro torna sopra quota 1,1030 nonostante l’aspettativa di un taglio dei tassi da parte della BCE alla riunione di giovedì.  Sale soprattutto il dollaro australiano grazie al miglioramento della congiuntura cinese.

In ribasso anche il mercato obbligazionario con il rendimento del Treasury decennale che sale a 1,58% e risale anche il rendimento del Bund decennale a -0,62%.

Il petrolio WTI segue i mercati azionari tornando sopra quota 57.

Per la giornata odierna l’unico dato macro è quello della produzione industriale inglese di luglio.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.