06/09/2019

Si estende il rialzo dei mercati azionari

La notizia della ripresa del negoziato commerciale tra Stati Uniti a Cina ha spinto al rialzo i mercati azionari e ieri Wall Street è riuscita a chiudere sopra l’area di massimo delle ultime settimane, a 2976 punti con un rialzo dell’1,3% (grafico a destra).  I futures segnalano un’apertura in ulteriore rialzo ed è quindi lecito attendersi un test del massimo storico a 3028 punti.

I dati macro americani di ieri sono stati poi superiori alle attese con un balzo dell’indice dei responsabili degli acquisti ISM dei servizi da 53,7 a 56,4 punti e  il numero dei nuovi occupati del settore privato calcolato dall’ADP è stato a sua volta superiore del previsto a 195 mila, in attesa del dato governativo di oggi alle 14:30.  Le previsioni sono per un aumento degli occupati intorno alle 160 mila unità e una flessione della crescita dei salari medi da 3,2% a 3,1%.

Il rialzo dei mercati azionari ha indebolito gli obbligazionari con un significativo rialzo dei rendimenti dei decennali americani che questa mattina aprono a 1,57% da 1,5% di ieri.  Risale anche il rendimento del Bund a -0,61% dal minimo storico fatto segnale lunedì a -0,71%.

In rialzo il dollaro a 107 yen grazie al rafforzamento dei rendimenti, ma in discesa contro l’euro che risale a 1,1060 e soprattutto contro la sterlina a 1,23.

Stabile a 56,25 il petrolio WTI dopo il rally di ieri a 57,7 dollari dopo il dato delle scorte americane di greggio, in diminuzione nel corso della settimana del 30 agosto.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.