15/05/2018

Attenzione alle vendite al dettaglio USA

Wall Street ha chiuso in leggero rialzo, ma ben sotto ai massimi della giornata, con l’indice SP500 che chiude a 2730,13 con un guadagno dello 0,09% (grafico a destra).  Scendono marginalmente Apple, Facebook e Amazon mentre guadagna terreno Google, ma si tratta di movimenti modesti.

Il tono positivo del mercato azionario legato alle aspettative di un accordo commerciale con la Cina è stato un po’ raffreddato dalle dichiarazioni dell’ambasciatore americano in Cina circa la lontananza delle posizioni nel negoziato.

Sono poi usciti dati macro deboli dalla Cina in nottata, dalle vendite al dettaglio a quelle di case e degli investimenti fissi: Hong Kong perde un punto percentuale mentre Tokyo chiude a -0,2%.  I futures americani si adeguano perdendo lo 0,3%.

Rimane vicino ai 71 dollari al barile il petrolio WTI, ma sembra che lo slancio rialzista si sia indebolito sensibilmente e l’impressione è che il mercato sia vicino a un massimo di medio termine.

Il dollaro recupera terreno dopo il rimbalzo dell’euro sino a quota 1,200 sulle dichiarazioni di Francois Villeroy de Galhau della BCE sull’avvicinarsi della fine degli acquisti di titoli da parte della banca centrale europea: il fatto che il rally sia durato poche ore e che questa mattina ci ritroviamo l’euro a 1,1920 è un segnale di debolezza che conferma l’obiettivo tecnico di medio termini a 1,1710.

In ribasso il mercato dei Treasurys su ogni scadenza: il rendimento del titolo a due anni sale a 2,55% e quello del decennale torna sopra quota 3,02% mantenendosi però sotto l’importante massimo dell’anno a 3,04%.

L’attenzione degli investitori è oggi puntata sulla prima revisione della stima del PIL dell’area euro che dovrebbe confermare la prima stima a 2,5%, ma soprattutto sul dato delle 14:30 delle vendite al dettaglio USA per il mese di aprile, che dovrebbero mostrato un aumento dello 0,3% dopo il +0,6% di marzo.

© 2001-2018 CFS Rating Tutti i diritti sono riservati

I dati le informazioni e le elaborazioni sono proprietà di CFS Rating, nessuna garanzia viene data in merito alla loro accuratezza, completezza e correttezza.

I dati e le elaborazioni pubblicate nel presente sito non devono essere considerate un'offerta di vendita, di sottoscrizione e/o di scambio, e non devono essere considerate sollecitazione di qualsiasi genere all'acquisto, sottoscrizione o scambio di strumenti finanziari e in genere all'investimento.